www.promemorianews.org

HTTP://WWW.PROMEMORIANEWS.ORG 09/2008

Buona la prima vendemmia delle Tenute del Fasanella. Sette ettari di vigneti, una produzione di 260 quintali di uve. Diecimila bottiglie di Fiano, 3.300 di Primitivo, un numero ancora non quantificato di Aglianico. E la prima bottiglia pronta per essere stappata ad aprile. Fondata quattro anni fa ad opera di un piccolo gruppo di viticol- tori, animato dal profondo rispetto per la produzione artigianale di quali- tà, la Cantina “Tenute del Fasanella” sorge a Sant’Angelo a Fasanella, piccolo centro degli Alburni di gran- di tradizioni agricole. La Cantina affonda le proprie radici in una terra fertile, particolarmente vocata alla coltivazione della vite. Attualmente la Cantina vinifica, con metodi tradi- zionali, le uve provenienti dai terreni acquistati dai soci nelle campagne del paese: aglianico, fiano, primitivo e aglianicone. La tradizione della produzione vitivinicola di Sant’Ange- lo a Fasanella trova continuità nella volontà e nell’impegno di 41 soci produttori che con caparbia tenacia tutta contadina, coltivano delle uve pregiate, superando le difficoltà del- l’estenuante lavoro. Le cure esperte
e costanti che durante l’anno riservano alla vite e le caratteristiche geologiche e climatiche del territorio, formano un’armonica combinazione che porta a maturazione le uve che, accuratamente selezionate, vengono portate alla vinifi- cazione. La nuova realtà produttiva del Cilento raggruppa 41 soci: l’esperienza maturata negli ultimi quatto anni e i con- tinui investimenti, hanno consentito di attrezzare gli impianti di una Cantina di elevate tecnologie e di notevoli potenzia- lità garantendo il successo in termini di capacità produttiva, conservando sem- pre come obiettivo primario la genuinità e la salubrità del vino. I vigneti si ergono in una collina che ricade nel territorio Igt di Paestum. I vini, dunque, saranno venduti con il marchio di in-
dicazione geografica tipica. E’ stato, questo, un autunno da ricordare. Dopo quattro anni di attese, investimenti, studi, è andata, infatti, in scena, la prima vendemmia. I soci stessi, “armati” di buona volontà e da un for- tissimo entusiasmo, hanno indossato gli abiti da lavoro
per raccogliere le uve e iniziare la vi- nificazione. E così sono nati i primi vini prodotti dalle “Tenute del Fasanella”: come detto, 3.300 bottiglie di primitivo, diecimila bottiglie di fiano, un numero ancora non precisato di Aglianico. L’Azienda, seguita dall’enologo Sergio Pappalardo, si occupa dell’intero ciclo produttivo a partire da un controllo at- tento del lavoro in vigna che prosegue con la selezione e la vinificazione delle uve. Adesso, terminata la vendemmia, inizia una nuova sfida, quella della commercializzazione. Allo studio della Cantina, una campagna di lancio dei nuovi prodotti che saranno immessi sul mercato il prossimo aprile.
(C.L.B.)

Trere are 1 comment on this post

  1. Mr WordPress Giugno 18, 2010, 8:51 pm

    Hi, this is a comment.
    To delete a comment, just log in and view the post's comments. There you will have the option to edit or delete them.